E se avesse ragione Howard Gardner? Per una didattica personalizzata!

Secondo lo psicologo americano Howard Gardner non esiste un solo tipo di intelligenza, ma una molteplicità di forme, ovvero potenzialità biologiche presenti sin dalla nascita che in ogni essere umano assumono una particolare combinazione di livelli di sviluppo, rendendo unico il suo profilo intellettivo.

gardner2

L’evolversi di ciascuna intelligenza e il raggiungimento di gradi più o meno elevati, risulta in parte condizionato da fattori genetici, ma dipende anche dalle opportunità di apprendimento offerte da una particolare contesto culturale. Non basta, dunque, individuare le inclinazioni personali, occorre esercitarle, in caso contrario rimarranno nello stato embrionale.

Gardner, già nel 1987 teorizzò l’esistenza di sette intelligenze per poi ampliarle a nove, non escludendo che in futuro se ne potessero individuare altre forme. La concezione pluralistica dell’intelligenza rappresenta una svolta importante rispetto alle teorie del passato, soprattutto per le implicazioni pedagogiche che ne conseguono.

happy-kids-640

L’intelligenza intrapersonale implica una buona conoscenza di sé, che spesso si riflette in comportamenti all’insegna dell’autonomia e di una soddisfacente gestione della propria persona. Nei bambini uno dei tratti che identifica un buon livello d’intelligenza intrapersonale è l’autonomia operativa, ovvero la capacità di assolvere alle principali necessità quotidiane, senza la necessità di continue sollecitazioni aiuti e stimoli esterni.

L’intelligenza interpersonale rende l’individuo capace di costruire relazioni fondate sull’empatia nel comprendere i sentimenti, le emozioni e le esigenze degli altri; di agire in modo proficuo assumendo particolari ruoli sociali di leader, facilitatore, tutore, mediatore  dei conflitti ed organizzatore. Riconoscere tale attitudine risulta abbastanza semplice ed intuitivo; sono i cosiddetti bambini socievoli che interagiscono spontaneamente con adulti  e coetanei, che prendono parte ai giochi ed alle attività di gruppo con entusiasmo e che tentano di coinvolgere gli altri nelle loro iniziative.

L’intelligenza matematica si manifesta attraverso abilità di calcolo, quantificazione, creazione di rappresentazioni spaziali, elaborazione di strategie risolutive di un problema, abilità nel cogliere le relazioni tra le cose, abilità di generalizzare le regole apprese e utilizzarle in contesti diversi.

L’intelligenza naturalistica implica l’interesse per fenomeni naturali, sensibilità ai cambiamenti stagionali, curiosità espressa attraverso frequenti domande sul principio di casualità approccio multisensoriale alla realtà, attitudine alla previsione ed alla sperimentazione delle ipotesi. Il bambino che ne è dotato probabilmente mostrerà la sua propensione interessandosi alla vita delle piante, animali e fenomeni, ascoltando l’insegnante o guardando la loro rappresentazione su immagini.

L’intelligenza musicale si manifesta con una spiccata sensibilità ai diversi aspetti della realtà sonora, alle variazioni di tono, di timbro, propensione alla riproduzione ed invenzione di strutture ritmiche, all’uso ed alla creazione di strumenti musicali, attitudine al canto corale ed individuale.

L’intelligenza esistenziale rende il bambino incline alla riflessione sulle tematiche che solitamente risultano oggetto dell’indagine filosofica. Il senso della vita, i valori e la giustizia. La curiosità è una prerogativa dell’età infantile, non a caso l’età che coincide con la scuola dell’infanzia viene spesso definita ” l’età dei perché”.

L’intelligenza linguistica si esplica attraverso la propensione all’ascolto e alla produzione verbale: chi ne è particolarmente dotato si impadronisce facilmente di termini nuovi, mostra interesse verso giochi di parole, può utilizzare il linguaggio in modo creativo.

L’intelligenza visivo-spaziale si traduce in sensibilità alle forme , ai colori , alle relazioni spaziali, nella capacità di una loro rappresentazione mentale anche in assenza degli stimoli visivi e nell’abilità di riproduzione plastico, grafica. Solitamente il bambino che ne possiede un alto livello è un attento osservatore della realtà, presta attenzione ai dettagli, interiorizza punti di riferimento, posizioni e direzioni.

L’intelligenza cinestetica favorisce il controllo del proprio corpo,  la coordinazione dei movimenti, l’espressività attraverso la mimica e la gestualità, implica abilità nella manipolazione degli oggetti per fini funzionali o espressivi.

Scuola, a che punto siamo?

Sicuramente non ci troviamo davanti ad un compito semplice, ma l’approccio nozionistico e frontale non può più funzionare davanti a questa evidenza scientifica. Il bambino ti sta suggerendo l’orientamento, le sue inclinazioni. Queste sono da valorizzare, spetta anche a te riconoscere i talenti. Sottolineare i punti di forza, ma rafforzare anche quelli deboli, individuando le aree da potenziare.

Genitori… Voi che conoscete molto bene i vostri figli, avrete sicuramente una chiara visione delle loro potenzialità e delle loro inclinazioni naturali che si sono espresse con la crescita. Diamo uno sguardo alle pagelle! Notate nulla di strano? Ai vostri occhi le materie scolastiche hanno tutte lo stesso peso? Un voto alto in educazione fisica è equivalente allo stesso risultato raggiunto in matematica? Dai risultati scolastici capiamo che la scuola incentiva lo sviluppo di determinate conoscenze e non di altre. Non è colpa degli insegnanti, diciamolo chiaramente, ma dell’istituzione. Finché non riusciremo a riconoscere l’importanza di un approccio personalizzato per ogni bambino, determinate intelligenze rimarranno lì, silenti, attendendo che qualcuno colga quel bisogno di espressione che il bambino ci sta suggerendo giornalmente. Stiamo nella logica di sviluppare un Progetto Didattico Personalizzato (P.D.P) per quei bambini che hanno delle difficoltà, dimenticando spesse volte di valorizzare i loro punti di forza! E se questo P.D.P. fosse esteso a TUTTI???

bambini-insieme-e1299607441822

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...